Canada Editorials Education Matters Italian News Updates Ontario

Il club dei bugiardi. I valori dell’educazione contemporanea

TORONTO – Qualcuno può per favore dire la verità? È stata una settimana di quel genere. I genitori che mandano i loro bambini nelle scuole del Provveditorato Cattolico hanno avuto una spiacevole sorpresa quando gli alunni hanno portato a casa appunti dalla loro scuola che avvertivano le famiglie di aspettarsi una “riorganizzazione” dell’esperienza di apprendimento in classe dei loro figli. 

Le note dicevano che la dimensione della classe poteva arrivare fino a 31 studenti per ogni aula. Le modifiche entreranno in vigore entro il 12 ottobre, il giorno successivo al weekend del Ringraziamento. Per di più, la pretesa era che l’ordine provenisse dall’alto: era stato mandato dal ministero dell’Istruzione (ministro Stephen Lecce).

“Fare lo scaricabarile” è diventato l’ordine del giorno: niente più soldi nel budget; un numero non sufficiente di genitori ha registrato i propri figli; gli insegnanti erano così stressati che hanno optato per il congedo per malattia; classi annullate, corsi offerti sporadicamente, personale non qualificato in classe; gli studenti hanno detto ai loro amici che non sono più nella stessa aula poiché i “gruppi” sono stati divisi. L’elenco continua.

Questa sindrome del “non è stata colpa mia” getta la sua cappa sull’amministrazione del Provveditorato, sui suoi fiduciari (trustees) e sul ministro, il cui livello di incompetenza raggiunge ogni giorno nuove vette. È confuso dalle sue stesse capacità di sotterfugio e distrazione.

Venerdì, ad esempio, ha fatto un grande annuncio su come una farmacia in franchising donerà prodotti mestruali per le studentesse che altrimenti potrebbero trovarsi senza provviste e quindi perdere le attività sportive. Siamo nella quarta ondata di Covid.

Nella mia limitata esperienza, le amministrazioni scolastiche locali hanno sempre fornito questo servizio alle loro studentesse negli ultimi quarant’anni. Quello che le scuole non hanno esperienza nel fornire è l’ambiente sicuro necessario per respingere il contagio da Covid-19 e/o quello delle sue varianti. I genitori sono ugualmente mal equipaggiati, quindi la loro posizione predefinita è stata quella di affidarsi alle competenze messe a disposizione da professionisti “fidati” nel governo e nella sanità pubblica. Buona fortuna. Meglio affidarsi al proprio “buon senso” e alla preoccupazione per i propri figli.

Da qui, il fuoco di fila sui fiduciari da parte delle delegazioni il 7 ottobre. Le aule – pareti, pavimenti e soffitti – non hanno cambiato dimensioni. L’aggiunta di più studenti non può essere interpretata come un miglioramento del distanziamento sociale; l’affollamento è stato identificato come l’unico modo sicuro di diffondere il virus. Sia che la riorganizzazione sia avvenuta a causa di un minor numero di docenti disponibili, di un minor numero di studenti per giustificare il numero di docenti richiesto o l’allocazione delle risorse, il problema è di competenza dell’Amministrazione. Sapevano dal 6 agosto quali sarebbero state le condizioni.

In una e-mail al Corriere Canadese, il portavoce del ministro ha scaricato la colpa direttamente sulle spalle del Provveditorato: non ci sono limiti alla dimensione delle classi nella legge sull’istruzione e i consigli sono responsabili delle loro decisioni; aggiungendo che il ministro si consulta con i funzionari della sanità pubblica ed è guidato da loro. E, a proposito, ha versato centinaia di milioni di dollari in denaro aggiuntivo per far fronte proprio a questo tipo di crisi, ha detto, anche se l’Ufficio di contabilità finanziaria ha una valutazione diversa.

Tuttavia, i fiduciari hanno trascorso la maggior parte della serata alla ricerca di quel momento alla “Ponzio Pilato”, alternando giuste dichiarazioni di conflitto e atteggiamenti autocelebrativi di “sostegno per genitori e figli”. Oh veramente? Non c’è da stupirsi che ci sia un movimento in corso per sgombrare le carte nelle prossime elezioni.

Ecco la ciliegina sulla torta. Nonostante le delegazioni, il direttore, Brendan Browne, ha affermato che le medie a livello di sistema per la dimensione della classe sono abbastanza buone: per JK-SK, 24,8 studenti per classe; per le classi 1-3, 17,7, per le classi 4-8, 23,9 e per le scuole superiori 22,9. Vi sentite meglio?

In caso contrario, i genitori hanno programmato una protesta a Queens Park per il 12 ottobre alle 10.

Nella foto, la protesta dei genitori al Regina Mundi (immagine dalla pagina Instagram nocuts2021)

Leave a Reply


cnmng.ca ***This project is made possible in part thanks to the financial support of Canadian Heritage;
and Corriere.ca

“The content of this project represents the opinions of the authors and does not necessarily represent the policies or the views of the Department of Heritage or of the Government of Canada”