Canada Italian News Updates The Environment

Vancouver, massacro pianificato dei coyote: una petizione per salvarli

VANCOUVER – Più di 10.000 persone hanno firmato una petizione che chiede di fermare il massacro pianificato di coyote nello Stanley Park di Vancouver:  avviato dalla biologa animale applicata all’UBC, Leilani Pulsifer, il documento afferma che “la macellazione è un metodo inefficace per affrontare le interazioni aggressive che hanno luogo a Stanley Park” e chiede una risposta integrata tra la città di Vancouver, Vancouver Park Board e BC Conservation Officer Service. 

I fatti: il Ministero delle Foreste della BC afferma che fino a 35 coyote verranno catturati e uccisi a causa del costante aumento del numero e della gravità degli attacchi da parte dei coyote nel parco. Sette coyote sono già stati uccisi dal BC Conservation Officer Service.

Nella petizione, Pulsifer scrive che sebbene la risposta sia “comprensibile, il problema è che uccidere i predatori più e più volte si è dimostrato una soluzione inefficace. Ciò è particolarmente vero nel caso dei coyote, perché sono estremamente adattabili al cambiamento e alla risposta”.

In un video pubblicato su YouTube (che pubblichiamo in basso), spiega che “diversi studi mostrano che l’uccisione di coyote o altri predatori come forma di controllo della popolazione non ha avuto successo e in molti casi ha avuto l’effetto opposto. La riproduzione compensativa si riferisce all’evento osservato in cui le femmine in risposta a una popolazione inferiore dimostreranno una maggiore capacità riproduttiva. Alla fine, questo significa una popolazione più ampia di coyote a lungo termine”.

Pulsifer indica anche l’immigrazione di altre popolazioni di coyote a Stanley Park una volta rimossa la popolazione attuale. Nota anche il ruolo che i coyote svolgono nell’ecosistema come predatore che è “più in alto nella catena alimentare e che uccidere i coyote non risolve la questione perché il parco ha sperimentato un aumento delle interazioni aggressive. Gli studi hanno dimostrato che esiste un legame tra il comportamento aggressivo nei coyote e la prevalenza dell’alimentazione della fauna selvatica da parte dell’uomo, dando da mangiare ai coyote o ad altri animali selvatici, li abitui alla presenza umana e li alleni essenzialmente ad aspettarsi cibo da noi”.

La richiesta di Pulsifer è semplice: sollecitare la BCCOS a lavorare con biologi selvatici ed esperti di coyote per identificare gli individui aggressivi, chiede al Vancouver Park Board di far rispettare il BC Wildlife Act (una persona non può nutrire intenzionalmente animali selvatici pericolosi) e chiede alla città di Vancouver di adottare un legge che vieta l’alimentazione della fauna selvatica all’interno delle sue aree del parco. Anche altri gruppi per i diritti degli animali (Fur-Bearers e Coyote Watch Canada) hanno messo in dubbio la decisione del Ministero di assassinare i coyote.

“Rabbia e dolore per la decisione, non è solo la mancanza di comunicazione che ha permesso alla situazione di Stanley Park di crescere, ma la mancanza di applicazione”, hanno scritto in una dichiarazione criticando il Vancouver Park Board. Quindi cosa facciamo? Uccidiamo tutti gli animali potenzialmente pericolosi perché non siamo capaci di gestire le situazioni?

In conclusione gli animali sono condizionati dal cibo che gli umani irresponsabili elargiscono loro solo per farsi una foto e per questo avvallano la macellazione che avrà luogo da parte di altrettanti irresponsabili nostri governanti che invece di vigilare preferiscono uccidere.

Intanto, Il governo della BC ha comunicato che darà il via alle catture dei coyote la prosisma settimana. Per martedì è prevista una veglia pacifica indetta dai gruppi per i diritti degli animali.

Il video qui sopra è stato realizzato e pubblicato su YouTube da Leilani Pulsifer; la foto del coyote in alto è di Dylan Ferreira da Unsplash

ARTICOLO DI VICKY PACI

Leave a Reply


cnmng.ca ***This project is made possible in part thanks to the financial support of Canadian Heritage;
and Corriere.ca

“The content of this project represents the opinions of the authors and does not necessarily represent the policies or the views of the Department of Heritage or of the Government of Canada”